Lentini, boom di visite la prima domenica di ottobre

Lentini, boom di visite la prima domenica di ottobre

image_pdfPDFimage_printPrint

LENTINI -” “Numeri positivi, testimoniano la grande voglia di bellezza delle persone“. E’ quanto ha detto  il presidente della coop. Badia, dott. Giorgio Franco ha conclusione del primo appuntamento che si è svolto domenica scorsa a Lentini, dove sono stati accolti un centinaio di appassionati di 500 abarth.  Ad un anno dal primo “educational tour con Italian Stories” oltre un centinaio di visitatori, provenienti da diverse località siciliane e tesserati al Club Abarth Trinacria, hanno scelto la destinazione Lentini: raduno in Piazza Umberto I, visita presso le chiese del Centro Storico, i palazzi Scammacca e Beneventano e il Parco Urbano d’Arte (Pua). I visitatori sono stati complessivamente 136, in larga parte siciliani: hanno scelto la Chiesa Sant’Alfio e Santa Maria La Cava, hanno deciso di percorrere il Parco Urbano d’Arte, che si estende sino al quartiere Badia, e sono entrati a Palazzo Beneventano, alla scoperta delle opere d’arte contemporanea e degli aneddoti legati a questa dimora storica.  “Dati incoraggianti che fanno sperare una ripresa per i luoghi e per i siti della cultura nel territorio leontino – ha detto il presidente Giorgio Franco – che quest’anno celebra i 2750 anni dalla fondazione greca, grazie a operazioni di questo tipo che invogliano non solo turisti e appassionati, ma anche i cittadini comuni a visitare il patrimonio storico-artistico e paesaggistico”. I visitatori sono stati accolti a Palazzo di città dal sindaco di Lentini Saverio Bosco e dal vice presidente del consglio comunale Davide Marchese.  Soddisfatta la presidente del club, dott.ssa Pina Quartarone, per l’ospitalità e la professionalità dello staff organizzativo di cui: l’Agenzia Valentravel, la cooperativa Badia Lost & Found e l’Amministrazione Comunale di Lentini.  “Esperienze di visita e di scoperta, come questa, conclude il presidente Giorgio Franco –  che segnano un trend positivo anche per il tessuto socio-economico cittadino, una rete diffusa in costruzione e in fase di collaudo per un territorio vocato all’accoglienza e alla bellezza”.

Open chat
Ciao,
chiedici la tua canzone
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: