Ultimo saluto di Lentini e Carlentini al tredicenne Stefano Russo “Sarai sempre nei nostri cuori”

Ultimo saluto di Lentini e Carlentini al tredicenne Stefano Russo “Sarai sempre nei nostri cuori”

image_pdfPDFimage_printPrint

LENTINI. Due  città in lacrime hanno dato l’ultimo saluto allo splendido Stefano Russo, tredici anni, morto giovedì scorso a causa di un incidente stradale avvenuto in via Nisida, angolo via Val Demone, nel centro urbano della città. Il ragazzino in sella alla sua bici si è scontrato con una Renault “Kangoo”. Stefano dopo poche ore è morto e i genitori hanno fatto un gesto di grande altruismo: donato gli organi che sono andati a cinque bambini Un dolore immenso per papà  Massimo, la mamma Pina, la sorella Valeria, i nonni, i familiari zii, cugini,  parenti e  amici, compagni di classe della 2B dell’Istituto “Pirandello” di Carlentini, insegnanti.  Il rito funebre è stato celebrato, secondo i dispositivi anti Covid,   dall’arcidiacono don Maurizio Pizzo,parroco della chiesa di Sant’Alfio che si è  svolto nell’ex cattedrale.  La morte di Stefano Russo  ha scosso l’intera comunità lentinese e carlentinese nel giorno della Domenica di Pasqua che si è stretta attorno alla famiglia molto conosciuta in città, tra i quali tantissimi amici e colleghi dei genitori e amici di Stefano. A rappresentare le due comunità i sindaci di Lentini Saverio Bosco e di Carlentini Giuseppe Stefio, mentre la comunità scolastica dell’Istituto “Pirandello” la dirigente scolastica Fabrizia Ferrante, insieme agli insegnanti e ai componenti del collegio di classe della 2 B. Stefano Russo frequentava la branca dell’Agesci “Lentini1” rappresentata da tutti gli scout del “Lentini1” e l’associazione “Aido” guidata dalla vice presidente Silvana Andronico. Stefano in tutte le attività in cui era impegnato metteva gioia e la  umiltà, ma aveva anche il  grande dono di contagiare tutti con il suo sorriso. “Siamo scossi e colpiti – ha detto don Maurizio Pizzo, nell’omelia – ma quando arriva la morte improvvisa e inaspettata dobbiamo essere pronti. Non ci sono parole per ripercorrere la vita del nostro Stefano, ma la fede e le parole del Vangelo ci richiamano al senso della nostra esistenza. Il silenzio e la fede  ci potranno sostenere in questo momento triste per i familiari e la  nostra comunità. Il nostro fratellino, oggi, nella giornata che la chiesa celebra il Lunedì dell’Angelo, dopo la Pasqua di Resurrezione   è accanto al Signore. La bara bianca, dopo la benedizione e il ricordo dei compagni, docenti,  cugini, è stata portata a spalla dagli amici scout percorrendo il sagrato della chiesa, con a fianco i volontari dell’Anps, sezione di Lentini guidata da Vincenzo Laezza. Poi un lungo applauso per salutare l’ultima volta il tredicenne. “Ciao  Stefano resterei per sempre nei nostri cuori”.

Open chat
Ciao,
chiedici la tua canzone
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: