Ucsi Sicilia, “Pandemie mediali: i media ai tempi del Covid 19”, un corso per la formazione dei giornalisti. Organizzato da OdgSicilia e Cong

Ucsi Sicilia, “Pandemie mediali: i media ai tempi del Covid 19”, un corso per la formazione dei giornalisti. Organizzato da OdgSicilia e Cong

image_pdfPDFimage_printPrint

PALERMO – “Pandemie mediali: i media ai tempi del Covid 19”. E’ il titolo del corso di formazione per giornalisti che si è tenuto, ieri pomeriggio,  sulla piattaforma Zoom.  “Un distanziamento fisico ma non sociale” così come nel corso dell’evento  la giornalista Rai Vania De Luca, vaticanista di  Rainews24 e presidente nazionale Ucsi.  Ancora un’ incontro organizzato dall’ Ucsi Sicilia insieme all’Ordine dei Giornalisti di Sicilia e al Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti. All’incontro, moderato da Salvatore Di Salvo, componente della Giunta nazionale Ucsi, hanno partecipato  il presidente  Ucsi Sicilia Domenico Interdonato, il quale, oltre a dare il benvenuto ha, fin da subito evidenziato l’impegno dell’Ucsi verso la formazione continua, anche in un periodo complesso come quello che stiamo vivendo, sotto il profilo della fede.  Don Paolo Buttiglieri, giornalista e consulente Ecclesiastico Ucsi Sicilia è intervenuto sull’argomento esponendo una riflessione profonda e, a tratti, filosofica, sulle difficoltà della comunicazione di tutti questi mesi. Sugli aspetti e sull’impostazione della stessa definendola ecosistemica rivelatosi poi, quasi, distorta e complessa. Addirittura a tratti dubbiosa e falsa. Don Paolo Buttiglieri ha, poi, concluso il suo intervento in maniera sintetica e, al contempo, profonda e sintetica: “abbiamo assistito alla Babele dei linguaggi con tante modalità e tante notizie. Una comunicazione che è rivelata, successivamente, come un’architettura impazzita”.  Obiettivi e linguaggio; modalità e stesura. Approcci e destinatari in “Lettere Aperte in un Paese Chiuso” di Vittorio Sammarco, docente della Facoltà di Scienze della Comunicazione Sociale dell’Università Pontificia di Roma; E’ quindi continuato così l’incontro di formazione che ha coinvolto, ancora una volta, giornalisti da ogni Regione d’Italia. Il professore vittorio Sammarco ha raccolto e analizzato 147 lettere in due mesi analizzando ogni aspetto, economico annesso, dei destinatari “speciali” di ogni articolo.  Donatella Trotta, giornalista e vicepresidente nazionale Ucsi, col suo contributo, si è soffermata sull’aspetto pedagogico ed educativo della comunicazione sui giovanissimi e giovani. Un aspetto, importantissimo, ma spesso non considerato così come dovrebbe. E le tragiche notizie di cronaca nera degli ultimissimi giorni ne sono dimostrazione lampante. Occorre stare attenti, perchè stiamo vivendo un periodo complesso e, soprattutto, nel nostro Sud, occorre tutelare il diritto di educare. Di educare bene.  Guido Mocellin, giornalista e autore della rubrica WikiChiesa di Avvenire, entra subito nel suo tema, ovvero ciò che succede nell’ambiente digitale vissuto attraverso i suoi occhi. A concludere il pomeriggio formativo, l’intervento di Mario Agostino, giornalista consulente di strategie di comunicazione, addetto stampa, web editor e social media manager, consigliere regionale Ucsi Sicilia.Giovani in tempi di pandemia. Giovani che si sono resi utili. Giovani che si sono, obbligatoriamente, reinventati. “ #ripensiamoci è l’hashtag utilizzato nel nostro progetto e  rappresenta la necessità urgente e irreversibile. Azioni mirate piuttosto che retoriche”. Esordisce coverso i suoi occhi. sì Mario Agostino che prosegue, con un’esposizione chiara e dettagliata sulle peculiarità della comunicazione via smartphone piuttosto che cartacea. Oggi il pubblico digitale (e solo in un secondo momento sociale) punta a cento rispetto a quello cartaceo che punta a zero. Con la  pandemia abbiamo subito un cambiamento epocale in questa direzione. Occorre capire, e lavorare nella direzione in cui oggi l’utente è interessato.

 

Open chat
Ciao,
chiedici la tua canzone
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: