Siracusa:Refezione scolastica, dichiarazione dell’assessore Valeria Troia

Siracusa:Refezione scolastica, dichiarazione dell’assessore Valeria Troia

Sulla refezione scolastica, l’assessore alle Politiche scolastiche, Valeria Troia, replica al portavoce di Progetto Siracusa, Ezechia Paolo Reale.

 

“Siamo ormai abituati a un’opposizione che, avendo rinunciato a dare anche un minimo contributo di idee per la città, non perde occasione per chiedere dimissioni di sindaco e assessori. Una prassi politica inutile e che denota una certa superficialità di analisi in favore di un più comodo uso strumentale e populistico delle vicende del Comune.

“Se così non fosse, se si prestasse più attenzione alle parole e al loro significato, non si scomoderebbe la Costituzione davanti a una semplice ipotesi di denuncia alla Polizia postale. Nessuno ha paura della libertà di espressione, ma una cosa è la verità altra cosa è avere creato allarme sulle pelle dei bambini alterando i fatti prima che gli stessi fossero accertati. Da un bravo e garantista avvocato esperto in materia penale è giusto attendersi almeno il beneficio del dubbio.

“Sul caso in questione i fatti sono inoppugnabili: i bambini non hanno corso alcun pericolo; non ci sono rischi igienico-sanitari nell’azienda che prepara i pasti; la tracciabilità degli alimenti utilizzati è certa. Certo è pure che non abbassiamo la guardia e che pretendiamo il rispetto di tutti gli elementi contrattuali.

“Mai come adesso si sono effettuati controlli sul ciclo della refezione scolastica e mi sento, quindi, di spedire al mittente le accuse di arroganza. Se fossimo arroganti non avremmo introdotto le commissioni mensa, che sono uno strumento a garanzia dei genitori e degli istituti scolastici”.

Lascia un commento

Open chat
Ciao,
chiedici la tua canzone
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: