Siracusa, gli studenti della Scuola Archimede parteciperanno alla Cerimonia Nazionale di  Inaugurazione dell’anno scolastico 2021/22

Siracusa, gli studenti della Scuola Archimede parteciperanno alla Cerimonia Nazionale di Inaugurazione dell’anno scolastico 2021/22

image_pdfPDFimage_printPrint

SIRACUSA – Gli studenti del XIII Istituto Comprensivo “Archimede” di Siracusa, unica scuola siciliana, parteciperanno lunedì 20 settembre 2021, alle ore 16,30, a Pizzo Calabro (VV) alla cerimonia nazionale di inaugurazione dell’anno scolastico 2021/2022 che sarà trasmessa in diretta RAI all’interno della trasmissione “Tutti a scuola”, dalle 16.30 alle 18.30. Alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, i 13 alunni dell’Archimede metteranno in scena il contenuto del cortometraggio “Da silenziose compagne dei boss a messaggere di legalità”, che li ha visti protagonisti e che è stato selezionato tra 900 scuole italiane dal Ministero dell’Istruzione, “evidenziando la qualità del lavoro svolto e testimoniando l’impegno e la passione con i quali viene realizzata la mission del sistema nazionale di istruzione”.Il percorso formativo ha messo a confronto due modelli di donna cogliendo l’essenza della legalità e distinguendola da acquiescenza ed omertà, che nutrono il consenso mafioso. Dall’analisi
delle silenziose compagne dei boss, donne coinvolte nelle organizzazioni criminali, ai racconti delle donne messaggere di legalità, portatrici di una forza che rompe gli argini, scardina gerarchie
di potere e riscrive i loro destini. In esito alla partecipazione al progetto gli alunni hanno rafforzatoe potenziato le competenze di cittadinanza e digitali.Dopo aver conosciuto ed analizzato i due modelli di donne e la bellezza del messaggio universale di legalità, gli alunni si sono trasformati in registi in erba producendo un cortometraggio del quale sono stati artefici e protagonisti creandone la sceneggiatura unitamente a coreografie, danze contemporanee, montaggio musicale e video. Gli studenti hanno partecipato anche a laboratori tematici, attraverso la piattaforma telematica, confrontandosi con gli esponenti del Centro Studi “Paolo e Rita Borsellino”, il magistrato, Dott. Vittorio Teresi e Marta Fiore, figlia di Rita Borsellino, capace di elaborare il lutto della tragedia che l’ha colpita, per mano mafiosa, in attività
sempre più intense di diffusione della cultura della legalità.

Open chat
Ciao,
chiedici la tua canzone
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: