SELF CARE MODE ON

SELF CARE MODE ON

image_pdfPDFimage_printPrint

…Ricercare una propria dimensione con i mezzi effettivamente a disposizione

Ci eravamo lasciati così. Ci eravamo lasciati con dei numeri allarmanti. Ci eravamo lasciati con l’umore un po’ instabile. Ed, ancora, ci eravamo lasciati col ricercare un pizzico di BenEssere in questa ennesima fase di restrizioni da covid

La mia routine quotidiana è molto semplice e adesso che posso dedico parecchio tempo a me stessa. 

Mi prendo del tempo per conoscere me stessa. Cosa vuol dire?

E’ il mio allenamento quotidiano e lo svolgo, spesso, contemporaneamente ai pesi, ai dischi e ai bilancieri. Ops dimenticavo gli elastici. L’uno non scinde mai l’altro. 

E’ grazie alla sincronia tra mente e corpo che mi consente di essere soddisfatta al termine di ogni mio workout. 

Sono sincera, non sempre ci riesco, perchè non crediate sia semplice. 

Esistono giornate Up (dove tutto è fantastico, magnifico e siamo carichi di energia;  ci vediamo belli, e abbiamo grandissima voglia di fare) ed esistono, tante, giornate Down (dove tutto è un m***a; dove ci sentiamo bruttissimi; dove siamo nervosi e apatici. E, soprattutto, non abbiamo voglia di fare nulla). 

Dalla mia personale esperienza, posso dirvi che si tratta di godersi, di viversi pienamente l’istante. Perchè la nostra vita, in generale, ha bisogno di essere allenata per godersi appieno quel momento. Per sentirlo e renderlo unico.

Il tempo è necessario per capire e capirsi. Ecco perchè è, fondamentale, comprendersi. Senza comprensione non c’è successo.

Se solo imparassimo a trasformarci. A mutare energie in intenzioni ed intenzioni in energie, allora sì che riuscissimo a creare un equilibrio costante di scambio e di dialogo con noi stessi. 

Sono una sostenitrice (incallita!) sel self care e per questo credo che ripetersi più spesso, in particolare modo in questo periodo, delle frasi motivazionali sia fondamentale. Ognuno di noi, ha una battaglia da combattere, anche se magari non lo mostra.

Pensaci bene. Fatto? E’ così?

Esistono delle parole che ci rincuorano e dovremmo imparare a ripetercele più spesso. 

Andrà meglio; ti capisco; non sei solo/a; non ti sentirai sempre così, etc…

 

Sì, dobbiamo ripetercelo da soli perchè è l’automedicazione che ci lenisce il cuore e rafforza il nostro Io. 

Non dobbiamo essere i peggiori giudici di noi stessi. E, fidatevi, lo penso e lo scrivo io. Sì io, Veronica che sono il giudice più severo di me stessa. 

Pretendo tanto, anzi di più da me stessa. Non mi accontento mai, ma, al contempo non sono il mio peggior nemico. Dopo tanto tempo, non mi ripeto più, frasi tipo: 

Sono un incapace; non capisco nulla; non valgo nulla; sono brutto, etc…

 

Piuttosto mantengo le distanze (e unfollow!) da quelle persone persone che mi fanno credere tutto ciò. 

Abbiamo il più grande mezzo a disposizione di sempre, noi  stessi, non sprechiamoci, piuttosto alleniamoci e tiriamo fuori la nostra parte migliore. Sù, alza il volume della tua playlist. Ascolta un podcast che parli di storie vere, cucina il tuo piatto preferito, e dedicati tempo. 

 

E adesso consentitemi di dedicare il mio tempo oggi a lei, la mia vecchia Carme:

Buon compleanno. Sei speciale, ti voglio bene. Tanto. 

 

Dedicare del tempo alle persone importanti (sii sicuro di ciò!) , aiuta a stare ancor più  in BenEssere!

 

Open chat
Ciao,
chiedici la tua canzone