Pietro D’Agostino tra gli 83 chef a JRE i giovani ristoratori d’Europa alle Maldive

Pietro D’Agostino tra gli 83 chef a JRE i giovani ristoratori d’Europa alle Maldive

image_pdfPDFimage_printPrint

 

 

Con lo chef della Capinera di Taormina, Pietro D’agostino la Sicilia è  volata in trasferta fino alle Maldive per l’escusivo evento dell’associazione JeunesRestaurateurs d’Europe, che riunisce i migliori e i più giovani rappresentanti dell’alta gastronomia.

Tra gli 83chef Jre, dunque,  anche la stella Michelin D’Agostino, protagonista per un’intera settimana nell’arcipelago più bello del mondo per far conoscere un pezzo di Sicilia attraverso prelibatissime pietanze, raffinati  mix di materie prime eccezionali, tradizione e innovazione e confrontarsi con la migliore tradizione europea.

JRE è infatti un network europeo che riunisce 350 cuochi e ristoratori professionisti, al di sotto dei 42 anni di età, provenienti da in Austria, Belgio, Croazia, Francia, Germania, Lussemburgo, Olanda, Slovenia, Spagna, Svizzera, Italia che danno vita a una cucina moderna e profondamente radicata nel territorio.

Creatività e innovazione, memoria e territorio: sono questi gli ingredienti principali comuni a tutti i JeunesRestaurateurs. Un approccio che in Italia trova riflesso nei menu creati nel rispetto delle stagioni della terra, nella proposta e rielaborazione dei piatti tradizionali, nell‘utilizzo di ingredienti tipici, dagli ortaggi provenienti da colture locali alle pregiate razze autoctone – come il maiale nero dei Nebrodi, la chianina e la pezzata rossa friulana.

 

 

 

Bio Pietro D’Agostino

Il quarantaduenne Pietro D’Agostino è nato a Taorminae lì ha cominciato a frequentare l’accademia culinaria. Volato a Londra a 21 anni, gli si sonosubito spalancate le porte dell’Hyde Park. Neppure due anni più tardi ha inauguratoinvece il ristorante del Grand Hotel Costa Esmeralda in Costa Rica. A 24 anni,chiamato al Dorchester della capitale britannica, ha realizzato un banchetto raffinatissimo per il sultano del Brunei. A 26 si è imbarcato sulla Disney Cruise Line (Walt Disney World Group), firmando la ristorazione italiana per tutti i più importanti uomini politici che accorrono in Florida. Tornato in Italia a 28 anni è stato l’executive Chef del ristorante Torpedo dell’Hotel Le Meridien Lingotto di Torino, cucinando con la sua brigata per i giocatori e staff della Juventus. A 30 anni, lo ha chiamato il ristorante Il Gattopardo del Grand Hotel Mazzarò Sea Palace a Taormina, il rinomato cinque stelle lusso della Perla dello Ionio a dirigere una cucina con ben 22 chef. Ma è a 31 anni che D’agostino ha coronato il suo sogno: aprire un suo ristorante, la Capinera, dove esprimere tutte le ricchezze della cucina siciliana con una creatività intelligente e innovativa.

 

JRE

Nata in Francia alla metà degli anni Settanta grazie a Grand Marnier, l’associazione ha l’obiettivo di stimolare solidarietà, amicizia e scambio di idee ed esperienze fra gli chef più innovativi. Presto riconosciuta dal mondo gastronomico come una delle più prestigiose associazioni culinarie, negli anni ha saputo creare un mondo di sapori, aromi e sensazioni che dal 1992 ha travalicato i confini francesi per allargarsi ad altri paesi del vecchio continente, fra cui l’Italia.E’ partendo dall’amicizia tra colleghi che ha preso vita questo gruppo all’avanguardia nella ricerca del ”gusto” e delle ritrovate tradizioni di ogni area del nostro paese, l’Italia.

i Giovani Ristoratori appoggiano da lungo tempo numerose iniziative benefiche a favore delle persone in condizioni di disagio. Negli anni il sostegno dei Jeunesrestaurateurs è andato – per citarne alcuni – agli istituti di ricerca per la cura di malattie infantili come l’Istituto di Ricerca Pediatrica della Fondazione Città della Speranza o l’Icm, (InstitutduCerveau et de le Moelleépiniere), a favore delle iniziative della comunità di San Patrignano e a beneficio del Progetto Fogolar e Progetto Farfalla ideati dal Centro Caritas dell’Arcidiocesi di Udine Onlus.

Parallelamente Jre ha svolto importanti azioni di sensibilizzazione nei confronti delle mamme e dei neonati promuovendo, assieme a medici pediatri e in collaborazione con i propri partner, i principi di una sana e corretta alimentazione del neonato: perché la salute, e il gusto, si costruiscono fin da piccoli.

 

Lascia un commento

Open chat
Ciao,
chiedici la tua canzone
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: