Pedagaggi, “Ciao Giovanni”: i funerali del giovane morto nell’incidente sulla strada Pedagaggi – Francofonte

Pedagaggi, “Ciao Giovanni”: i funerali del giovane morto nell’incidente sulla strada Pedagaggi – Francofonte

PEDAGAGGI – Un intero paesino in lacrime, tantissimi amici e compagni dell’Istituto “Vittorini – Giorgia” hanno dato l’ultimo saluto a Giovanni Lo Pilo Pietropaolo, il diciottenne, studente, frequentante la classe V sezione E dell’Istituto superiore “Vittorini”, che ha perso la vita otto giorno fa, in un incidente stradale avvenut sulla strada consortile Pedagaggi – Francofonte. Un dolore immenso per papà Rosario, la mamma Lucia, il fratello Sebastiano e la sorella Carolina, la nonna, i cugini, zii, i familiari, parenti, compagni e amici. Il rito funebre è stato celebrato da don Puccio Adamo, parroco della chiesa Maria Santissima della Stella di Pedagaggi. La morte del giovane studente Giovanni ha scosso l’intera comunità di Pedagaggi, Carlentini e il “Vittorini – Gorgia”, che si è stretta attorno alla famiglia molto conosciuta in paese. “La notizia della morte di Giovanni – ha detto don Puccio Adamo, nell’omelia – ci ha lasciati sgomenti. Giovanni è stato nella sua breve vita terrena un esempio per tutti noi. Un esempio di generosità, umiltà e altruismo. E’ stato sempre un ragazzo pieno di vita, altruista e buono. Un giovane che sognava un futuro bello e roseo che amava la vita e gli amici. Non ci sono parole per poter descrivere il dolore per la morte di Giovanni. La fede ci potrà sostenere in questo momento triste per la nostra comunità”. Le parole di don Puccio Adamo arrivano diretti nei cuori degli amici e compagni di scuola che si sono stretti accanto alla famiglia Lo Pilo. “Giovanni era un giovane forte sia dal punto di vista umano che spirituale – ha aggiunto don Puccio Adamo -. Una bella persona che il Signore ha chiamo improvvisamente accanto a se. Giovanni era molto premuroso con tutti”. Giovanni coraggioso e molto riflessivo, aveva tanti progetti, tantissimi sogni, desideri che non ha potuto realizzare, ma adesso li potrà realizzare al cospetto di Dio”. Il feretro con la salma di Giovanni, questa mattina, ha raggiunto la camera ardente realizzata nel salone della parrocchia dove ha ricevuto l’ultimo abbraccio di amici, compagni di scuola e cittadini. Il sindaco di Carlentini Giuseppe Stefio ha portato il cordoglio della città. Poi il dirigente scolastico Vincenzo Pappalardo, i collaboratori della dirigenza scolastica e i docenti del Vittorini che a nome dell’Istituto si sono stretti attorno alla famiglia. Poi tantissimi amici e compagni di scuola, in particolare i compagni della classe V E del Vittorini, hanno deposto fiori e preghiere davanti la bara bianca. Per evitare problemi di assembramenti al Covid 19, il sindaco di Carlentini Giuseppe Stefio, sentito il prefetto di Siracusa Giusi Scaduto, ha predisposto un servizio d’ordine che è stato assicurato dai carabinieri, polizia municipale, dai volontari dell’Anps, sezione di Lentini e dai volontari della Protezione civile. I funerali si sono svolti in forma privata per evitare problemi di assembramenti e nel rispetto del Dcpm. All’uscita della chiesa un lungo applauso per salutare l’ultima volta Giovanni. “Ciao Giovanni resterei sempre nei nostri cuori”

Open chat
Ciao,
chiedici la tua canzone
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: