Palermo: si restaura la Cappella che accoglierà le spoglie dell’assessore Tusa

Palermo: si restaura la Cappella che accoglierà le spoglie dell’assessore Tusa

PDFPrint

PALERMO – Sono cominciati a Palermo i lavori di recupero conservativo della cappella del Santissimo Crocifisso, all’interno della Chiesa di San Domenico. Il luogo sacro è stato scelto per accogliere le spoglie dell’ex assessore regionale Sebastiano Tusa, scomparso il 10 marzo del 2019 nella sciagura aerea avvenuta in Etiopia. L’intervento, che dovrebbe concludersi a novembre, è eseguito dalla Icoser, l’impresa che si è aggiudicata l’appalto.
L’opera si svolge sotto la direzione di alcuni restauratori dell’Ufficio per la progettazione della Regione Siciliana, gli stessi che hanno anche pianificato nel dettaglio gli interventi destinati a restituire l’antico splendore a una delle sezioni più suggestive della Basilica, nota come il “Pantheon dei siciliani”, perché ospita le tombe di molti personaggi illustri.

In meno di un anno, l’Ufficio progetti, voluto dal presidente Musumeci e diretto dall’ingegnere Leonardo Santoro, ha portato a termine tutte le procedure necessarie a ripristinare le strutture murarie della cappella, la pavimentazione marmorea e una serie di opere scultoree di grande pregio, visibilmente compromesse dall’umidità, oltre alle quattro tele settecentesche che compongono il sistema scenografico dell’altare.

«Procediamo a grande ritmo – sottolinea il governatore della Regione- affinché l’urna contenente le ceneri del compianto Sebastiano Tusa possa essere definitivamente collocata nel posto più degno per un uomo che a questa terra ha dedicato la propria inesauribile passione e tutto il proprio sapere».

E’ previsto che l’urna sia contenuta in una stele funeraria di marmo che sarà realizzata dall’artista palermitano Michele Canzoneri.

Open chat
Ciao,
chiedici la tua canzone
Exit mobile version