Come una lambada!

Come una lambada!

PDFPrint

Mamma ho voglia di scrivere. Ho un paio di idee ma, vabbè vabbè ci penso io.

Frattanto che mi siedo al pc, da lontano sento “come sempre”. 

Sì mamma, come sempre. Come sempre faccio di testa mia, ma poi corro da te. 

Corro da te perchè ho combinato un danno. Corro da te perchè c’è da rimediare qualcosa. Corro da te perchè sento il bisogno di un supporto. Corro da te perchè voglio un tuo abbraccio. Corro da te perchè ho necessità di sentirmi dire: “Vera non mi pari mancu tu. Torna in te”.  

Corro da te come quando ti prendevo per mano per ballare la lambada. Corro da te perchè sei l’unica per cui lo faccio e continuerò a farlo. 

Papa’ e Giu’? Anche per loro ovvio, ma consentimi di cambiare le scarpe.

Perchè scrivo queste cose e le rendo pubbliche? Semplice, perchè la mia generazione corre troppo e le successive, a quanto pare, ancora di più. 

Corriamo troppo e non ci soffermiamo alle cose spicciole, essenziali. Non ci soffermiamo ai gesti che ci riempiono il cuore; ai gesti che ci regalano un sorriso e a quelli che migliorano la giornata. 

Corriamo e navighiamo talmente velocemente, senza bisogno del 5G che non ci accorgiamo, neppure, che i nostri genitori invecchiano (lo so Ma, perdonami!). Non ci accorgiamo che i nostri genitori, nonostante corrono, ma non come dieci anni fa’. Sì i genitori corrono sempre dietro ai figli. Corrono seppur molte volte i figli non lo sanno. Corrono in silenzio senza far percepire neppure il fiatone. 

E noi figli? Molte volte ignoriamo. Così mi viene da pensare a chi non ha avuto (e non ha) la fortuna di essere cresciuto con due genitori al proprio fianco. 

Con due genitori con i quali gattonare, camminare e poi correre insieme. 

Mamma, il tuo compleanno segue a ruota quello di papà. Se ci penso, questa cosa mi stranizza. Uno dietro l’altro, uno per l’altro. Voi per Noi. Ed il mio augurio è quello di poter essere anche Noi per Voi. Io per Te. 

A 32 anni ho, ancora, tanti sogni. Non potrei vivere senza. Uno so già essere difficilissimo. Non lo svelo, ma avere una mamma come te complica tutto. 

Se altri 56 sono tanti, poco importa perchè il mio augurio è quello di viverti ogni secondo come fosse l’ultimo. 

Senza correre, ma non perchè fa caldo, semplicemente perchè tu, anche passeggiando sei in grado di smuovere l’impossibile. 

Buon compleanno mamma Margherita!

Ecco questo post è per la mia mamma, ma al contempo spero possa far riflettere un attimo anche a te che stai leggendo. Il tempo è adesso. Corri dai tuoi genitori..e se troppo tardi, ricordali e prega per loro. Ovunque essi siano. La sensazione ti farà stare in BenEssere!

Open chat
Ciao,
chiedici la tua canzone
Exit mobile version