Lentini, “Mancano i riscaldamenti”. Sciopero all’Istituto “Vittorini”. Il dirigente Pappalardo: “le scuole sono al capolinea”. Il sindaco di Carlentini Giuseppe Stefio: “Intervenga il prefetto e il presidente della Regione”.

LENTINI. Gli studenti sono tornati lunedì sui banchi di scuola, dopo la pausa natalizia, e puntuali riemergono i problemi legati alle carenze strutturali e al malfunzionamento di alcuni impianti di riscaldamento nella scuole di competenza del Libero Consorzio comunale di Siracusa, ex Provincia. L’emergenza più grave riguarda gli studenti del Polivalente scolastico di via Riccardo da Lentini che, da sei anni senza un impianto funzionante a pieno regime, con l’arrivo delle temperature più rigide di gennaio e con i problemi di infiltrazioni all’interno dell’edificio fanno lezione con i cappotti e coperte. Gli studenti dell’Istituto “Vittorini – Gorgia” questa mattina hanno deciso di scioperare in segno di protesta, per dare voce alle loro ragioni. Un accorato appello all’ ex Provincia, affinché provveda in tempi stretti a risolvere l’incresciosa situazione. Gli alunni non intendono perdere ore scolastiche ma, nel contempo, è fisiologicamente impossibile seguire la lezione con il freddo di questi giorni. La protesta è stata coordinata dai due rappresentanti dell’Istituto Andrea Manca e Antonio Basso c che hanno con striscioni e cartelli fatto sentire la loro voce. “Non possiamo oggi anno ripetere le stesse cose – hanno detto – e gli stessi problemi. Noi chiediamo che l’ex provincia intervenga”. “I ragazzi – dice il dirigente scolastico del Liceo Vittorini Vincenzo Pappalardo – sono tornati in classe costretti ad indossare abbigliamento pensate. Le autorità istituzionali che gestiscono le scuole superiori intervengano. Noi non possiamo chiedere un ulteriore sacrifico alle famiglie. Lo scorso anno i genitori hanno acquistato climatizzatori e stufe per riscaldare le aule, ma questo non basta. A nulla però sono serviti i solleciti dei mesi scorsi per avere i necessari interventi”. Sulla mancata manutenzione degli Istituti superiori di Lentini è intervenuto energicamente il sindaco di Carlentini Giuseppe Stefio, accompagnato dall’assessore alla Pubblica istruzione Antonino Lipari ha incontrato tutti i dirigenti scolastici del “Vittorini” Vincenzo Pappalardo, dell’”Alaimo” Anna De Francesco, del Nervi Giusy Sanzaro e il vice Renato Marino, del “Moncada” Maria Carla Di Domenico . “Ci sono delle responsabilità nella gestione del Libero Consorzio – ha detto – il commissario non può esimersi degli interventi . Il commissario non può continuare a non accogliere le richieste dei dirigenti. Noi amministrazioni comunali di questo territorio saremo accanto ai dirigenti scolastici per tutelare i nostri figli”. Il sindaco di Carlentini ha chiesto l’intervento del prefetto di Siracusa Luigi Pizzi per convocare un tavolo tecnico per affrontare la delicata vicenda delle strutture scolastiche di competenza della ex Provincia e del presidente della Regione. Per il sindaco di Lentini Saverio Bosco “ l’emergenza riguarda tutto il patrimonio scolastico di proprietà della Provincia. Si avvii un tavolo tecnico visto che ancora una volta non sappiamo, a causa della chiusura dello smantellamento delle Provincie, di chi sia il compito di garantirci questi diritti essenziali”. Il dirigente scolastico ha assicurato agli studenti l’installazione di qualche altra stufa nelle classi dove non ci sono riscaldamenti, mentre i ragazzi da parte loro domani ritorneranno in classe. La protesta si sposta sul tavolo del prefetto e del commissario straordinario del Liceo Consorzio Comunale di Siracusa. E allora tutti all’ex Provincia in via Roma con un inedito slogan: «La coperta al potere!».

Commenti Facebook