Francofonte, Emergenza amianto

Francofonte, Emergenza amianto

di Angelo Lopresti

FRANCOFONTE –  Emergenza amianto per l’ abbandono nelle campagne di periferia e nei canali dei torrenti. Da più parti viene lanciato un grido di allarme con l’ente comunale costretto a ripetute bonifiche dei siti.  Nonostante l’installazione di fototrappole e telecamere, in quelli che sono definiti punti sensibili della città per la formazione di vere e proprie  discariche, rimane costante purtroppo il fenomeno  “scarica i rifiuti e fuggi” in particolar modo per quanto riguarda l’amianto. Desta particolare preoccupazione la presenza del pericoloso materiale che nei giorni scorsi è stato abbandonato a  più intervalli lungo il percorso del torrente Canali. Anche sui social viene segnalato il ripetersi dei casi di abbandono di Eternit e a nulla sembra che valgono gli appelli lanciati per salvaguardare  la salute pubblica e l’ambiente. “Troppo grande è il divario tra una buona coscienza civica per la pulizia,  la valorizzazione del territorio e comportamento dei cittadini – si legge tra i tanti post sui social che pubblicano i singoli cittadini di Francofonte-.  Un fenomeno dalle dimensioni sempre più importanti nonostante l’esistenza di un Centro comunale di raccolta attrezzato per lo smaltimento dei rifiuti pericolosi come i pezzi di eternit”. La presenza di pannelli di amianto utilizzati per la copertura dei tetti e parti di recipienti per la raccolta dell’acqua, i cosi detti serbatoi,  si registra oltre che lungo i canali anche nelle contrade più difficoltose a raggiungere, come Fanusa e Pisano.  “Diverse sono le aree oggetto dal fenomeno, prevalentemente nelle zone fuori dal centro abitato – afferma l’assessore alla nettezza urbana Stefano Privitelli-, sono  numerosi i siti trasformati in vere e proprie discariche abusive che abbiamo già bonificato in questi mesi. Paradossalmente diventa difficile anche predisporre servizi di controllo e prevenzione a causa della notevole riduzione del numero di agenti di Polizia municipale a nostra disposizione”.

Commenti Facebook

Redazione

WhatsApp chat