Fondi per il dissesto idrogeologico, dichiarazione del sindaco Italia

Fondi per il dissesto idrogeologico, dichiarazione del sindaco Italia

image_pdfPDFimage_printPrint

SIRACUSA – Su quanto affermato da esponenti del Movimento 5 Stelle circa la mancata presentazione, da parte del Comune, di progetti per l’accesso ai fondi statali sul dissesto idrogeologico, il sindaco, Francesco Italia, ha rilasciato la seguente dichiarazione. _Le ultime uscite di alcuni parlamentari del Movimento 5 Stelle rivolte ad alcuni sindaci della provincia, tra cui il sottoscritto, oltre ad essere inaccettabili sotto il profilo politico e istituzionale, sono irricevibili sotto il profilo etico.
In un momento di enormi tensioni e difficoltà socio economiche, strumentalizzare la mancata assegnazione di risorse subordinata alla sussistenza di requisiti specifici, per minare il rapporto di fiducia tra i cittadini e i propri sindaci, senza neppure conoscere preventivamente i contesti in cui la mancata partecipazione è maturata, è particolarmente grave.
Ciò, tanto più in quanto tale atteggiamento proviene da parlamentari del territorio facenti parte di un governo che, su espressa richiesta del Capo dello Stato, ha fatto della coesione sociale uno dei principali obiettivi politici.
Non siamo certo sorpresi della mancanza di coerenza.
I parlamentari del Movimento 5 Stelle, nato contro il sistema dei partiti, hanno infatti governato in tre anni prima con la Lega, poi con il Pd, poi con entrambi, votando senza colpo ferire la fiducia al governo Draghi dopo aver detto e ridetto “o Conte o elezioni”!
Ciò che sorprende, in questo caso, è la superficialità dell’accusa.
Sarebbe semplicemente bastato leggere che l’articolo 1, comma 140 e 142 della legge 145/2018 a cui fanno riferimento, escludeva dalla procedura di assegnazione le richieste dei comuni che, alla data di presentazione, non avessero approvato e trasmesso l’ultimo rendiconto di gestione.
Dato che per i ben noti motivi, nel 2019, il Comune di Siracusa ha approvato il rendiconto solo nel mese di dicembre, non è stato evidentemente possibile presentare alcuna istanza in quanto sprovvisti di uno dei requisiti di partecipazione.
Risulta di tutta evidenza che la mancata presentazione della istanza da parte del Comune di Siracusa, come verosimilmente da parte degli altri comuni, non sia in alcun modo dipesa da inerzia, incapacità o mancanza di interesse.
Come l’On. Ficara ha peraltro correttamente ricordato, il Comune di Siracusa, grazie al lavoro costante degli assessori e degli uffici, negli ultimi anni ha partecipato a bandi e ha intercettato risorse per decine di milioni di euro da fondi europei, ministeriali e regionali.
In conclusione, sarebbe il caso che i parlamentari cinquestelle, dopo aver svuotato con quota 100, grazie al governo populista/sovranista, tutte le amministrazioni delle loro migliori risorse, invece di fare proclami e stilare pagelle senza nemmeno informarsi, provassero a supportare concretamente i Comuni e i loro cittadini._

Open chat
Ciao,
chiedici la tua canzone
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: