Covid: necrologio, se avessi creduto a pandemia sarei salvo

Covid: necrologio, se avessi creduto a pandemia sarei salvo

image_pdfPDFimage_printPrint

SIRACUSA – “Se avessi creduto alla pandemia, se avessi creduto al Covid, oggi racconterei un’altra storia ma non questa storia”.    Le parole che Giuseppe Giuca, 66 anni, siracusano, ha voluto fossero scritte nel suo epitaffio per evidenziare che si sarebbe salvato se avesse creduto ai pericoli del virus. Alcuni giorni fa le condizioni di Giuca si sono aggravate e l’uomo è deceduto.     Sembra che, prima di contrarre il covid19, non si sarebbe curato del virus e delle conseguenze di un eventuale contagio e per questo motivo ha voluto lasciare un messaggio chiaro alla sua morte.

Open chat
Ciao,
chiedici la tua canzone