Catania: Municipio aperto: successo per il “debutto” del 2016

Catania: Municipio aperto: successo per il “debutto” del 2016

Ancora  grande afflusso nel Palazzo degli elefanti con gli appuntamenti con la  musica di qualità nel Salone Bellini e la possibilità di apprendere  dalle guide professioniste tutti i segreti di questo autentico scrigno  di opere d’arte. Il sindaco Bianco, che ha voluto l’iniziativa, “I  cittadini sono contenti, fino a Sant’Agata Palazzo aperto ogni domenica”

“I  cittadini sono molto contenti di quest’iniziativa e ogni domenica, fino  a Sant’Agata, il Palazzo degli elefanti sarà aperto alle visite e  offrirà questi concerti che stanno riscuotendo grande favore”.
Lo ha  detto il sindaco di Catania Enzo Bianco al termine del “debutto” del  2016 con la manifestazione “Municipio aperto”, che, voluta proprio dal  Sindaco, ha fatto registrare lo scorso anno un considerevole successo.  Anche oggi, dalle 9 alle 13, c’è stato un grande afflusso di cittadini e  turisti, paragonabile, secondo la Polizia municipale, a quello del 6  dicembre del 2015, quando i visitatori furono complessivamente  cinquemila. Molti tra i visitatori si sono soffermati a chiacchierare  con il sindaco e a farsi fotografare con lui.
Considerevole anche  stavolta la presenza di famiglie con ragazzi e bambini, che vengono a  scoprire il Palazzo e che si soffermano nei saloni del MUnicipio  ammirando statue, busti, arazzi e quadri di grandi artisti catanesi e  non. Particolarmente apprezzate le grandiose tele del pittore Giuseppe  Sciuti che si trovano nel Salone Bellini e nella Sala Giunta.
Grande  interesse suscitano, durante le visite, anche i ritratti dei sindaci di  Catania custoditi nel corridoio principale del Palazzo e le carrozze  del Senato, poste nella corte, e tradizionalmente usate durante i  festeggiamenti per la patrona Sant’Agata.
Anche oggi, a partire  dalle 10, grazie all’accordo tra l’Assessorato alla Cultura e  l’Associazione guide turistiche Catania presieduta da Giusy Belfiore,  sono stati numerosi i tour con gruppi di cittadini alla scoperta dei  segreti delle opere d’arte custodite nel Palazzo degli elefanti.
Alle  11,30, poi, si è svolto un applaudito concerto nel Salone Bellini  eseguito da artisti del Teatro Massimo e cioè Graziella Alessi  (soprano), Maria Antonietta Di Benedetto (soprano), Antonella Fioretti  (mezzosoprano), Daniele Bartolini (basso) e Francesco Vaccarella maestro  accompagnatore.
Sono stati eseguiti, alla presenza del sindaco  Bianco e del direttore artistico del Bellini Francesco Nicolosi, “Belle  nuit, o nuit d’amour” dall’opera “I racconti di Hoffmann” di Offenbach,  “Tu che m’hai preso il cuor” dall’operetta “Il paese del sorriso” di  Lehár, “Amapola” da “C’era una volta in America” con musiche di  Morricone, “Vi  ravviso o luoghi ameni” da “La Sonnambula” di Bellini,  “Frou Frou”, dall’operetta “La contessa del tabarin” di Bard, “Occhioni  blu” dal “Cavallino Bianco” di Benatzky, “Là ci darem la mano” dal “Don  Giovanni” di Mozart, “Habanera” dalla “Carmen” di Bizet e due canzoni  napoletane, “I’ te vurria vasà” e “O sole mio” di Di Capua

Lascia un commento

Open chat
Ciao,
chiedici la tua canzone
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: