A Sigonella la visita del Sottocapo dell’Aeronautica Militare

SIGONELLA – Il Sottocapo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Luca Goretti, ha visitato l’Aeroporto dell’Aeronautica Militare (AM) di Sigonella e altre realtà insistenti all’interno del proprio sedime.

La visita conoscitiva si colloca nell’ambito delle attività di verifica e dello stato di avanzamento dei lavori di potenziamento infrastrutturale in corso, necessari per garantire la piena capacità operativa dell’Aeroporto e la gestione dello spazio aereo. Recente è l’assegnazione del quarto velivolo P-72A del 41° Stormo in configurazione finale, diuturnamente impiegato nelle attività di difesa e sicurezza del Paese, per non menzionare il delicato impegno dei controllori militari nella gestione in sicurezza del traffico aereo in concomitanza con le recenti intense eruzioni vulcaniche dell’etna.

Accompagnato dal Capo del 1° Reparto dello Stato Maggiore AM, Generale di Brigata Aerea Fabio Sardone, all’arrivo in Sicilia, il Generale Goretti è stato accolto dal Comandante del 41° Stormo Antisom e dell’Aeroporto di Sigonella, Colonnello Pilota Howard Lee Rivera. Lo stesso, dopo i convenevoli di rito, ha illustrato all’Ospite le varie peculiarità e la realtà di Sigonella, attraverso una presentazione dettagliata. A seguire, la visita guidata alle principali infrastrutture per toccare con mano sia l’attuale realtà che le prospettive future della base, per conoscere la complessità della gestione di un Aeroporto che ospita al suo interno una dozzina di Enti appartenenti a diverse Forze Armate ed anche a diverse Nazioni e differenti Organizzazioni Internazionali. E’ stata, poi, sottolineata come la gestione degli spazi aerei della Sicilia centro-sud-orientale, discriminata dall’attività dell’etna, abbia grande rilevanza sul servizio di traffico aereo di cui è responsabile proprio l’omonimo Comando Aeroporto. Il Sottocapo, nel ringraziare per l’ospitalità ricevuta, ha sottolineato che Sigonella rappresenta una realtà strategica in continua evoluzione, un Ente dalle sfaccettature complesse e variegate per le particolarità e nazionalità che vi coesistono.


La visita, svolta nel pieno rispetto delle norme sanitarie in atto, si è conclusa con la consegna al Generale Goretti del crest a ricordo della giornata e con la firma dell’albo d’onore, dove indelebile è rimasto il messaggio di ringraziamento ed apprezzamento rivolto agli uomini e le donne del Reparto “di stima e apprezzamento per quello che fate e soprattutto per come tenete alta l’immagine della nostra Forza Armata”, in terra Siciliana. Il Comando Aeroporto di Sigonella, gerarchicamente dipendente dal Comando Squadra Aerea dell’AM per il tramite del Comando Forze Mobilità e Supporto dell’AM, ha il compito di fornire il supporto logistico-amministrativo ed i servizi tecnico-operativi agli Enti e Reparti rischierati ed in transito sull’omonimo Aeroporto, assicurando – senza soluzione di continuità – i servizi necessari per il sicuro ed efficace svolgimento delle attività di volo, che includono tra gli altri l’assistenza tecnica a terra, il rifornimento di carburante, il servizio meteorologico, il servizio antincendio, l’assistenza sanitaria, la disponibilità di infrastrutture ricreative ed alloggiative. In aggiunta, è responsabile della fornitura dei servizi del traffico aereo all’interno della zona di controllo (CTR) denominata Catania, che comprende i cieli della Sicilia orientale e mari adiacenti, ivi compresi l’Aeroporto Militare di Sigonella e quelli civili di Catania-Fontanarossa e di Comiso (RG). Ospita e fornisce supporto a diverse realtà dell’AM (tra cui 41° Stormo Antisom, 11° Reparto Manutenzione Velivoli, 61° Gruppo Volo APR) ed altri Enti/vari rischieramenti ed assetti – nazionali ed internazionali – che si sono alternate o si alternano per le più disparate operazioni/esercitazioni. Al momento, sono presenti assetti (di Lussemburgo e Polonia) nell’ambito dell’operazione Eunavformed IRINI (a cui partecipano anche 41° Stormo e 61° Gruppo) e dell’esercitazione NATO Dynamic Manta 2021 (Francia e Germania). Inoltre, in virtù di specifici trattati internazionali (Host Nation Support), l’Aeroporto ospita dal 1959 la Naval Air Station (NAS) della Marina USA e dal 2015 la NATO AGS Force (NAGSF).